Diabete e malattia parodontale (gengivale)

Postato il 08 aprile 2013

SAPEVI CHE IL DIABETE PUÓ CONTRIBUIRE ALLA CADUTA DEI DENTI?
Se sei un adulto affetto da diabete di tipo 1 o 2 e il tuo Livello di glicemia talvolta non è buono come vorrebbe il medico, potresti andare incontro alla perdita di alcuni o di tutti i denti a causa di un grave tipo di infezione gengivale chiamata malattia parodontale. Il diabete potrebbe ridurre la capacità di combattere i germi responsabili della malattia parodontale (gengivale).

CHE COS’É LA MALATTIA PARODONTALE E PERCHÉ DEVE ESSERE DIAGNOSTICATA E CURATA?
La malattia parodontale o gengivale è una grave infezione delle gengive che può portare alla perdita dei denti e impedire di raggiungere gli obiettivi nutrizionali fissati dal medico o dall’infermiere educatore del diabete. Se non è individuata dal dentista o dall’igienista dentale, o se non è curata, la malattia parodontale può provocare un’infezione che distrugge la struttura ossea volta a sostenere i denti. Man mano che la malattia parodontale progredisce, i sintomi possono comprendere mobilità o spostamento dei denti , alito cattivo, o ancora sanguinamento gengivale. La malattia parodontale può peggiorare il controllo della glicemia e vice versa.

Se la glicemia è alta o oscilla, sei a rischio di sviluppare una malattia parodontale grave.

Sintomi:

Gengive rosse e gonfie.
Gengive che sanguinano non sono sane Anche se le gengive sanguinano solo quando spazzoli troppo forte, QUALSIASI segnale di sanguinamento non è normale.
Pus bianco o giallo attorno alle gengive.
I denti sono più lunghi e le gengive si sono ritirate rispetto ai denti.

Con un’adeguata igiene orale e regolari visite dentistiche è possibile prevenire la malattia parodontale. Fissa quindi regolari appuntamenti dal tuo dentista o dal tuo igienista dentale per contribuire alla prevenzione della malattia parodontale!

social
Privacy Policy • comunicazione e immagine: Vitamina Studio